pavimenti-in-resina

Pavimenti in resina

di Giulia Monte, Architetto


Fino a pochi anni fa la resina veniva utilizzata principalmente nell’edilizia industriale, commerciale o sanitaria, ma negli ultimi tempi ha trovato larga applicazione anche nell’edilizia residenziale grazie alle sue caratteristiche versatili e personalizzabili. I pavimenti in resina si ottengono per mezzo di miscele di silicati inorganici naturali, con l'aggiunta di inerti speciali aventi diversa durezza e granulometria che variano a seconda del campo di applicazione e del grado di finitura che si desidera raggiungere. Bisogna sapere che le resine si adattano ad ogni tipo di fondo, nuovo o degradato ed è quindi possibile non solo creare un pavimento in resina ex novo, ma addirittura rivestire un vecchio pavimento in piastrelle o altro tipo di materiale senza dover ricorrere a fastidiose opere di demolizione e smaltimento di calcinacci. Parliamo di un materiale impermeabile, antipolvere, antisdrucciolo, resistente agli olii e alle sostanze chimiche aggressive, che coniuga un’estetica gradevole con una grande facilità di applicazione e soprattutto ottime caratteristiche tecniche.

 

Come si realizzano pavimenti in resina per abitazioni

 

Il pavimento in resina non viene posato in opera a pezzi, creando le classiche fughe, ma viene steso e livellato creando una superficie monolitica. Bisogna innanzitutto preparare il sottofondo, pulendo ed eliminando tutte le parti ammalorate. Si predispone quindi il fondo con uno stucco per rendere la superficie regolare, oppure se il fondo è di nuova realizzazione, basta applicare un primer sul massetto per facilitare l'adesione della resina. Pe la posa della resina su delle piastrelle esistenti, è consigliabile per migliorare la presa, l'uso di speciali abrasivi che tolgano la patina di lucidatura delle piastrelle.

Una volta asciutto il sottofondo, si procede alla posa in opera che può avvenire in due modi: a rullo o a spatola. La posa a rullo si utilizza quando bisogna realizzare una pellicola sottile di resina, invece quando è richiesto uno spessore maggiore si adopera la spatola, dove è necessaria una particolare abilità della manodopera. Lo spessore medio che si raggiunge è di 3-4 millimetri, evitando così onerosi lavori di raccordo e rettifica di infissi e porte nel caso in cui si stia rivestendo un vecchio pavimento. Il tempo di essiccazione varia in base allo spessore del pavimento e alle condizioni climatiche, che va dalle 48-36 ore per gli spessori più sottili ai 6-7 giorni per uno spessore maggiore. La lavorazione successiva prevede la carteggiatura della superficie per eliminare eventuali imperfezioni.

 

Pavimenti in resina opinioni

 

Come già accennato in precedenza la resina è un materiale estremamente versatile: è particolarmente indicata nelle abitazioni perché garantisce la protezione dalle muffe, per la scarsa proliferazione di batteri sulla sua superficie e può essere usata nei bagni e nelle cucine per le sue caratteristiche idrorepellenti e di facile pulitura, infatti le resine non necessitano di specifici prodotti per la pulizia, in quanto la superficie è impermeabile e non assorbe alcuna sostanza. Hanno inoltre una buona conducibilità termica e possono essere usate tranquillamente in combinazione con un sistema di riscaldamento a pavimento. Risultano ottimali anche per tutti gli spazi esterni, come parcheggi, cortili, vialetti pedonali e carrabili, terrazzi e balconi. Ovviamente, le caratteristiche di resistenza devono essere superiori a quelle delle resine da interno, a causa degli agenti atmosferici e del traffico di autoveicoli.

Per pavimenti esterni si utilizzano generalmente resine poliuretaniche multistrato, create per resistere ai forti carichi di esercizio e agli sbalzi termici. Non mancano di certo opinioni contrastanti sull’utilizzo dei pavimenti in resina: come ogni materiale non è perfetto e potrebbe presentare qualche piccolo inconveniente come ad esempio l’ingiallimento, problema che affligge solo le resine epossidiche le quali hanno scarsa resistenza ai raggi UV, ma per limitare tale ingiallimento basta usare speciali additivi anti UV. Un pavimento in resina ovviamente non è indistruttibile; è resistente, supporta carichi elevati, non si macchia, ma come ogni materiale da pavimento è soggetto ad usura, più o meno accentuata in base all'uso. In generale un pavimento spatolato e opaco maschera meglio l'invecchiamento e garantisce un ciclo di vita molto più lungo. Particolare attenzione va prestata quando si realizzano pavimenti in resina in ambienti umidi come il bagno e la cucina. La superficie uniforme e impermeabile dei bagni li rende particolarmente scivolosi, diventando un problema di sicurezza. Per ovviare a questo problema, basta rendere la superficie antiscivolo, mediante l'aggiunta di particolari sostanze granulose all'impasto durante la realizzazione del pavimento, ottenendo così una superficie rugosa mediando in questo modo tra estetica e sicurezza.

Molte sono le aziende che offrono ottimi servizi sul territorio nazionale; aziende all’avanguardia che producono resine per pavimenti autolivellanti, spatolati e artistici, di eccellente resistenza meccanica, adatte a uso civile e commerciale, disponibili in ogni gamma di colori con finitura lucida o opaca. Se invece si è inclini all’attenzione per l’ambiente e ci si vuole orientare verso le pavimentazioni ecologiche, la Marcoaldi produce resine ecologiche che consentono di creare pavimenti spatolati o lisci a basso impatto ambientale, soluzione ottimale per le costruzioni della bioedilizia.

 

Pavimenti in resina costi al metro quadro

 

Sono tanti i fattori che determinano il prezzo di un pavimento in resina; tra i principali la metratura, la base su cui stendere il materiale, e la personalizzazione del pavimento stesso, nonché la resistenza chimico-fisica da ottenere. Un altro importante fattore è la professionalità dell'azienda e il suo metodo di lavorazione. È sempre consigliabile richiedere un preventivo gratuito, ma se vogliamo avere un’idea generale sui costi dobbiamo innanzitutto distinguere tra i pavimenti in resina spatolati e gli autolivellanti.

Gli spatolati presentano costi di realizzazione indubbiamente inferiori, ciò è dovuto al fatto che il materiale è molto meno costoso rispetto agli autolivellanti; inoltre non includono particolari effetti decorativi. Il loro costo per mq varia intorno ad € 70,00. I pavimenti in resina autolivellanti presentano invece una superficie perfettamente liscia, sono più facili da pulire e più robusti in termini di resistenza meccanica ed all’urto; inoltre sono più elastici e dunque più idonei alla sovrapposizione su pavimenti esistenti, queste prestazioni richiedono un costo di circa 120 euro al mq.

 

Pavimenti in resina 3D

 

I pavimenti in resina 3D rappresentano una delle ultime tendenze nella decorazione di pavimenti privati o commerciali e permettono di ottenere una superficie decisamente scenografica e suggestiva. I pavimenti in tre dimensioni, sono creati grazie alla resina epossidica, e dispongono di strutture multistrato. La principale caratteristica è l’effetto ottico creato da immagini proporzionate e realizzate con l’effetto della prospettiva. Se questi elementi vengono visti dall’angolo corretto, la visione degli stessi potrà vantare un effetto a tre dimensioni davvero realistico.

Chiaramente questo tipo di pavimento va osservato da un preciso punto di vista per avere la miglior percezione di realismo 3d. Solitamente il punto di vista scelto è la soglia di una porta o un ingresso per ottenere l’impatto estetico appena si accede all’ambiente in questione. I pavimenti realizzati con stampe hanno una resistenza in generale decisamente minore rispetto ai pavimenti in resina tradizionali, è consigliabile quindi collocarli in zone di poco passaggio, o in negozi dove si necessita di pavimenti provvisori in base alle tendenze del momento. Si possono personalizzare con qualsiasi immagine voluta, da immagini naturalistiche o surreali a loghi commerciali o aziendali. La ARKdeko' realizza degli interessanti pavimenti 3D con resine di alta qualità UV resistant e una gamma vastissima di immagini personalizzate.

APPROFONDIMENTI

MATERIALI
ISOLAMENTO
Canapa
Isolamento termico e acustico.
pannelli-in-canapa
TESLA
POWERWALL 2
POWERWALL 2
La batteria domestica Tesla
powerwall-2-tesla
IMPIANTO
IDRICO
Geotermico
Il calore della Terra.
impianto-geotermico
ETFE
MATERIALE
MEDIATIC
l'ETFE: rivestimento in facciata
ETFE-materiale-mediatic-barcellona
NORMATIVA
SOLARE
LA SERRA
Risparmio e ampliamento.
serra-bioclimatica

 

 

SOCIAL NEWS