Legge di Stabilità 2015

Ristrutturazioni edilizie e risparmio energetico, via libera alla proroga delle agevolazioni fiscali

L’approvazione da parte del Governo del disegno di Legge di Stabilità 2015 dà sostanzialmente il via libera a una serie di proroghe in materia di agevolazioni fiscali che riguardano i lavori a casa e gli interventi per il risparmio energetico. Vediamo nel dettaglio di quali detrazioni si parla.

  • Recupero del patrimonio edilizio

Estesa fino al 31 dicembre 2015 la maxi-detrazione del 50% sugli interventi sul recupero del patrimonio edilizio (manutenzioni, ristrutturazioni e restauro e risanamento conservativo), applicabile dal 26 giugno 2012. Dal primo gennaio 2016 si ritornerà a regime alla percentuale ordinaria del 36%. La proroga riguarda anche il limite massimo di spesa per singola unità immobiliare, che rimarrà di 96mila euro sino a fine 2015, per tornare ai consueti 48mila euro dal 2016.

 

Risparmio energetico

Prorogato fino alla fine del 2015 anche l’aumento dal 55% al 65% della detrazione Irpef e Ires sui lavori per il risparmio energetico qualificato. Per gli interventi sul risparmio energetico, l'aumento delle percentuali di detrazione dal 55% al 65% non incide sull'importo massimo dello sconto Irpef ed Ires spettante, in quanto la variazione influenza la spesa massima agevolabile (che di conseguenza per lo stesso intervento sarà più bassa).

 

Lavori sulle parti comuni condominiali

Anche l’agevolazione del 65% riguardante l’esecuzione di interventi per il risparmio energetico “relativi a parti comuni degli edifici condominiali di cui agli articoli 1117 e 1117-bis del Codice Civile” o che interessano “tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio” è stata estesa fino al 31 dicembre 2015. In precedenza era previsto che le spese fossero agevolate al 65% fino al 30 giugno 2015, con una riduzione al 50% per quelle sostenute tra il primo luglio 2015 e il 30 giugno 2016. L’aumento del bonus nel secondo semestre 2015 è stato però bilanciato con la riduzione del periodo agevolato e lo stop alla detrazione dal primo gennaio 2016 (resterà la possibilità di beneficiare del 36%).

 

Misure antisismiche

Nessuna modifica invece per la detrazione Irpef ed Ires del 65% sulle misure antisismiche dell'abitazione principale o delle costruzioni adibite ad attività produttive (“edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità”). Dunque si potrà beneficiare del bonus del 65% solo per i bonifici effettuati entro il 31 dicembre 2014. Per i pagamenti del 2015 si dovrà applicare la detrazione del 50%.

Per ulteriori informazioni

SPONSOR

 

SOCIAL NEWS

 

Azienda

EUDOMIA S.r.l.

Indirizzo: Via Bruno Serotini 89
00135 Roma (RM) - Italia

Tel: 06 2112 9678
Cell: 328 982 6756
E-mail: info@eudomia.com

P. IVA: 14641901005

R.E.A.: RM 1535328

Dove siamo

Informativa sulla privacy