container-abitativi

I CONTAINER ABITATIVI

​Come si trasforma un container in una ambiente abitativo?

I vari cambiamenti sociali di oggi ci spingono a fare architettura in un modo diverso da quello a cui siamo abituati: ormai siamo più aperti verso progettazioni che includono sostenibilità e reversibilità ambientale dell'oggetto architettonico, cerchiamo di utilizzare meno materie prime e soprattutto evitiamo i consumi irreversibili sul suolo.

Sembrano ritornare attuali le parole pronunciate da William Morris, durante la Conferenza alla London Institution nel 1881: “L'architettura abbraccia la considerazione di tutto l'ambiente fisico che circonda la vita umana; non possiamo sottrarci ad essa, finché facciamo parte della civiltà, poichè l'architettura è l'insieme delle modifiche e alterazioni introdotte sulla superficie terrestre in vista delle necessità umane, eccettuato solo il puro deserto."

Ecco allora che gli stessi contenitori metallici possono essere un chiaro esempio delle possibilità offerte per la creazione di un'architettura sostenibile, partendo dal riuso di materiali esistenti. Vediamo insieme l’utilizzo dei container in architettura.

PRINCIPALI APPLICAZIONI DEL CONTAINER

I container abitativi (anche detti “home container”) hanno come scopo quello di ricreare un ambiente confortevole in grado di garantire gli stessi comfort di un’abitazione tradizionale, ma col beneficio della mobilità del bene. È un modo per avere su di un modulo abitativo i vantaggi del container: trasferibilità, occupazione del suolo, ottimizzazione dei costi di trasferimento e dei tempi di costruzione.

I container ad uso abitativo danno la possibilità di creare ambienti vivibili anche in zone che dal punto di vista geomorfologico non consentirebbero l’abitabilità con strutture tradizionali, e dove non sarebbe consentito il normale allacciamento alle reti elettriche, idriche e del gas. Problema quest’ultimo inesistente nel caso delle case container, autonome dal punto di vista energetico perché allacciabili direttamente a un modulo dotato di generatore.

I container uso abitativo possono essere sfruttati sia per appartamenti che per case vacanze, per negozi, per chioschi, per scopi militari, ecc… Inoltre si possono personalizzare molti elementi: finestre, porte, ventilazione, barre di protezione, impianti vari, verniciatura e loghi.

 

Che cos'è un container?

I container sono utilizzati soprattutto nel campo dei trasporti per la loro capacità di contenere diverse tipologie di merci. Il modello di container più noto si chiama container ISO che ha delle dimensioni standard di 244 cm di larghezza, 259 cm di altezza e dai 610 ai 1220 cm di lunghezza. Nel corso degli ultimi anni si è iniziato a riflettere sull'utilizzo di questi box metallici e si è cominciato a credere di poterli far diventare dei preziosi moduli abitativi. Un utilizzo in questo senso non è del tutto nuovo, considerato anche il fatto che i container vengono usati come case di fortuna dopo disastri ambientali.

 

Che fare con tutti quei contenitori abbandonati?

C'è una notevole quantità di container parcheggiati e spesso abbandonati che si trova nei terminal delle aree portuali: questi contenitori vengono lasciati per lunghi periodi in attesa di effettuare un nuovo viaggio e capita che per gli agenti atmosferici e una serie di urti accidentali non sia più possibile riutilizzarli per i trasporti. Anche per evitare che il numero dei box metallici aumenti e che si vada incontro al crearsi di una città metallica, i container abbandonati vengono acquistati a cifre molto basse, che variano dai 600 ai 2000 euro, secondo il modello e lo stato di conservazione. Se consideriamo che per l’acquisto di un nuovo box metallico ci vogliono circa 7.000 euro, capiamo bene quanto sia il risparmio.

 

Vantaggi e svantaggi dei contenitori metallici

Uno dei vantaggi di utilizzare container metallici per soluzioni abitative è quello di trovarci di fronte a un materiale molto resistente e dall'ottima durabilità: questi contenitori infatti vengono trattati per resistere al trasporto in mare. I container sono indubbiamente versatili nel loro impiego. Ma soprattutto possono essere reperiti ovunque.

Non ultimo, oltre al chiaro stampo di eco-sostenibilità che viene dal semplice riuso, è la semplicità dell’assemblaggio, e di conseguenza il costo assai ridotto della costruzione. Tuttavia come tutti i materiali ha degli svantaggi: per esempio bisogna isolare i container in modo accurato per evitare sbalzi termici ed umidità. Prima del loro utilizzo è importante inoltre controllare che l container non abbiano subito danni o conservino residui dovuti ai trasporti, come i solventi, che potrebbero esser pericolosi per la salute dell’uomo.

I container possono diventare case modulari ecologiche ed economiche, realizzate in modo sostenibile e dal design personalizzabile, a cui le nuove tecnologie permettono di aggiungere funzionalità ed efficienza.

I container abitativi hanno molti vantaggi:

  • Alta versatilità
  • tempi di costruzione brevi
  • Rispetto per l’ambiente ed efficienza energetica
  • Design personalizzabile
  • Prezzi accessibili

Il sistema è modulare e variabile perciò si adatta a diverse esigenze. Inoltre le soluzioni tecnologiche adottate e integrate (pannelli fotovoltaici, coibentazioni, vetri termici) fanno si che la casa ecologica consenta di risparmiare non solo al momento dell’acquisto ma anche durante tutto il tempo di utilizzo.

Il fattore ecologico è un grande punto di forza di questi moduli abitativi prefabbricati, si possono infatti utilizzare diversi sistemi, tutti altamente compatibili con il container, per risparmiare sull’energia e magari anche produrla da soli:

  • I pannelli fotovoltaici sono la prima misura, la più importante forse ma sicuramente non l’unica, per avere energia pulita all’interno del container;
  • Ricorrere ad una buona coibentazione, ovvero all’utilizzo di materiali isolanti di buona qualità, può rendere il nostro container più adatto a resistere alle alte e alle basse temperature, senza bisogno di ricorrere ad ulteriore “riscaldamento” e dunque ad ulteriore energia;
  • Anche nei container abitativi si possono utilizzare materiali di pregio, a prezzi comunque abbordabili, come i vetri termici, che migliorano la tenuta termica della struttura e permettono dunque di risparmiare ulteriormente alla voce “energia”.

La casa in container dunque può essere una buona soluzione anche per chi è alla ricerca di una modo per avere un minore impatto ecologico, e risparmiare qualcosa in bolletta, consumando meno gas e meno elettricità.

Il container è inoltre mobile, sebbene si differenzi dalla casa su ruote, nulla vi vieta di prenderlo e spostarlo da un’altra parte, magari a voi più congeniale. La velocità e la mobilità del container dunque, da contrapporre alla lentezza e alla staticità dell’abitazione in cemento.

 

Esempi dell'utilizzo di container in architettura

Vediamo insieme come alcuni architetti hanno deciso di utilizzare i box metallici per soluzioni abitative.

Jure Kotnik ha creato una struttura un po' stravagante al di fuori, la 2+Weekend House, una casa completamente a pois, ma piena di confort all'interno, dove troviamo cucina abitabile, salottino e terrazza. A Zurigo è stato costruito un intero negozio Freitag in metallo: una torre di 17 container progettata dallo studio di architetti Spilmann-Echsle, che rispecchia l'animo del marchio di borse di cui è sede, realizzate tutte con materiali riciclati.

Ma ancora più interessante risulta il progetto Container City, un nuovo metodo di gestione dello spazio urbano, che prevede la costruzione di edifici nella zona est di Londra completamente in metallo. Rimanendo in tema di utilizzo di container in architettura ad uso pubblico, possiamo citare il nuovo terminal per navi da crociera del porto di Siviglia, progettato da Hombre de Piedra e Buro’4: due livelli modulari di container dipinti di bianco che alternano lunghezze differenti in un gioco di geometria optical.

 

Dall’Europa all’Italia: il progetto Box4IT

Chi sta cercando di portare un trend già diffuso in Europa direttamente in Italia è Box4IT. Secondo Alessandro Cocchi titolare di Phoenix International, azienda che ha lanciato l'idea Box4IT, oggi il nostro mercato è maturo per affrontare questa svolta e non mancano i primi successi: la realizzazione del centro commerciale a Cavezzo, in provincia di Modena, rappresenta un chiaro esempio di un progetto in cui sono stati utilizzati ben 34 container disposti su due piani.

Ma come si trasforma un container in una ambiente abitativo?

Intanto si comincia dalle pareti: le pareti in acciaio del container vengono riadattate utilizzando soluzioni che garantiscono la ventilazione dell’ambiente e al tempo stesso buoni livelli di isolamento termico e acustico. Sulla base delle singole esigenze poi i partner BOX4IT sviluppano la propria opera: viene proposto un rendering che deve essere approvato dal cliente e sul quale si possono apportare delle modifiche e delle personalizzazioni prima della costruzione vera e propria.

Se si utilizzano più container si possono eliminare pareti, realizzare finestre e scale di passaggio per esempio. I lavori si concludono con la personalizzazione degli interni (infissi, finestre e arredamento) e con la consegna delle chiavi.

 

COME E DOVE SI COMPRA UN CONTAINER?

In Italia ci sono numerose aziende che offrono soluzioni prefabbricate anche con moduli abitativi ricavati da container abitativi usati o nuovi, con prezzi contenuti. Il più delle volte vengono acquistati container che erano stati precedentemente utilizzati come ufficio ed in genere i prezzi variano dai 3.000 ai 3.500 euro, ovviamente esclusi i costi per le migliorie della struttura, il rifacimento dei pavimenti, l’ abbellimento di pareti e soffitti e l’arredamento.

NEWSLETTER

APPROFONDIMENTI

ARCHITETTURA
BIOEDILIZIA
X-Lam
Case in legno.
riscaldamento-casa
TESLA
POWERWALL 2
POWERWALL 2
La batteria domestica Tesla
powerwall-2-tesla
SISMA
RICOSTRUZIONE
Antisisma
Certificato di stabilità
certificato_di_stabilità_casa
SISMA
AGEVOLAZIONI
SISMA BONUS
Tutte le agevolazioni
sisma_bonus_2017
MATERIALI
COMFORT
Biomateriali
Una scelta per Il nostro benessere.
materiali-naturali-in-casa

 

SPONSOR

 

SOCIAL NEWS

Azienda

EUDOMIA

Indirizzo: Via Bruno Serotini 89
00135 Roma (RM) - Italia

Tel: 06 2112 9678
Cell: 328 982 6756
Fax: 06 303 10 790
E-mail: info@eudomia.com

Seguici

facebook-eudomiatwitter-eudomiapinterest-eudomiagoogle+_edudomia

Contattaci